EA spiega la chiusura di Visceral Games

Il capo delle operazioni finanziarie (CFO) del publisher, Blake Jorgensen, fornisce le motivazioni alla chiusura della Visceral Games.

visceral games

La licenza acquisita dalla EA del mega brand di Star Wars non porta molto bene.

Nel giro di poco son riusciti ad attirarsi le ire dei videogiocatori sia per il caso Star Wars: Battlefront II, che per il caso della chiusura dello studio che stava lavorando all’action-adventure di Star Wars, dopo aver conseguito importanti successi con Dead Space ad esempio.

Il sito Dualshockers ha riportato le dichiarazioni di Jorgensen riguardo all’accaduto, durante la Credit Suisse Annual Technology, Media and Telecom Conference svoltasi a Scottsdale, in Arizona, convention tech organizzato dalla, ovviamente, Credit Suisse investitore di EA.

Una delle dichiarazioni riguardava il ridimensionamento di personale della Visceral Games a sole ottanta unità, troppo poche per lo standard medio a cui è abiutata EA.

Inoltre è uscita fuori un’altra dichiarazione molto forte, che dimostra che uno delle operazioni finanziare non capisce un cazzo di videogiochi e di cosa vuole il pubblico, perchè ha dichiarato che il titolo sviluppato da Visceral Games era:

“troppo lineare, ed oggi, ai giocatori, questo tipo di giochi non piacciono più come cinque o dieci anni fa”.

Passando il progetto a EA Motive e EA Vancouver, perchè gli investimenti del gioco non sarebbero mai rientrati.

Decisione puramente economica, ancora più schifosa come motivazione.

Jorgensen ha assicurato che la maggior parte (quindi non tuti)  degli sviluppatori di Visceral sono stati dislocati in altri studi di Electronic Arts.

Cazzate, solo per il titolo contente la parola Star Wars avrebbe guadagnato.

Ma è normale che le grandi corporate abbiano nei loro massimi livelli dei perfetti inetti. Sempre succede, in ogni tipo di azienda, non solo nel settore gaming.

Come trovo osceno il fatto che gente ha perso il lavoro, e una casa come EA non ha trovato modo di farli lavorare altrove tutti quanti. Vergognosi.

Cosa ne penso di EA dopo Visceral Games

Onestamente gioco soltanto a FIFA della EASport. Ma si sono bruciati enormemente.

Il popolo dei videogiocatori è incazzato a morte. Ha chiesto tramite una petizione che il brand Star Wars venga tolto a questa casa. E fanno bene.

Disney deve ben pensare di non sporcare il buon nome di questa saga con un publisher che attira a se solo voci negative.

Personalmente ho partecipato al boicottaggio di EA durante il black friday e probabilmente Fifa18 sarà il mio ultimo titolo.

Odio il modo in cui i publisher pensano SOLO AL DENARO.

Non pensando che ai veri videogiocatori e non i ragazzini massimo quindicenni, che usano i soldi del papà per comprare il gioco, non frega un cazzo del gioco lineare o non lineare.

Il videogioco deve essere bello e piacevole. Punto.

EA ha fallito ancora e ancora, ma non capisce che il problema è in testa, sono sempre le poltrone grosse che sbagliano e non gli studi che realizzano i nostri passatempi. Vergognatevi, per l’ennesima volta nella vostra storia.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Autore dell'articolo: Borgo7