Come liberare la RAM in Linux da terminale

Spesso la chiusura non corretta di alcune applicazioni in ambiente Linux, qualche programma non gestito correttamente, genera nel nostro computer un rilascio e una gestione non corretta della RAM. Da qui i sintomi di lentezza del sistema e poca scorrevolezza nelle operazione che contraddistingue questo sistema operativo. Specialmente se usate Lubuntu.

Un procedimento del genere può essere utile, ad esempio, quando il sistema è acceso da lungo tempo, vi sono state eseguite e chiuse molte applicazioni e non può essere riavviato. Oppure avete un mini pc, come quello che sto usando io sul qualche ho messo la distro Lubuntu.

liberare la ram su linux

Come liberare la RAM in Linux in 3 passaggi

  1. Aprire il terminale ctrl+alt+t
  2. Digitare sudo sysctl -w vm.drop_caches=3
  3. Premere invio

Tutto questo funzionerà se il vostro sistema ha il systemd. Se l’ho trovato sul mio Lubuntu, presumo che chiunque capiti qui ce l’ha.

Altrimenti per chi non ce l’avesse e quindi non può usare sysctl sostituire il punto 2 con questo comando: sudo sync && echo 3 | sudo tee /proc/sys/vm/drop_caches

Cose carine da fare se si è smanettoni

Se volete realmente percepire quello che state facendo, PRIMA della procedura controllate come è usata la memoria corrente.

Digitate sul terminale watch -n 1 cat /proc/meminfo

Eseguite ora la procedura e poi rifate questo comando. Noterete come cambiano enormemente i numeri.

In particolare in queste due occasioni di prima e dopo, prestate attenzione a questi parametri che vi compaiono e resterete sbalorditi.

  • MemFree
  • Buffers
  • Cached

Vi posso garantire che su computer di basse componentistiche e prestazioni alla carta, la vita cambia notevolmente con questa ottimizzazione della memoria RAM.

Consigli per gli acquisti

Se volete addentrarvi anche voi nel mondo dei mini pc, personalmente mi rivolgo sempre ad amazon. Attenzione a non farvi fregare dalle false offerte.

Il mio personale metro di paragone è: 2GB RAM e 32 GB di ROM meno di 100 euro (ma a dirla tutta meno di 90 euro, possibilmente 80 sarebbe il prezzo onesto della componentistica).

Da questa unità, poi raddoppiate e fate della matematica spicciola. Se ha 4GB RAM e 64 HD dai 150 ai 180 non di più. Non fatevi fottere da venditori fraudolenti.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Autore dell'articolo: Borgo7