Road to Oscar 2018: Recensione Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Tre manifesti a Ebbing, Missouri uno dei film con più nomination agli Oscar 2018. Davvero incredibile! Ma tutti meritati.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Presente nelle categorie degli Oscar 2018 per:

  • Miglior film
  • Miglior attrice protagonista
  • Miglior attore non protagonista
  • Miglior sceneggiatura originale
  • Miglior montaggio
  • Miglior colonna sonora originale
  • Miglior attore non protagonista

Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh

Tre manifesti a Ebbing, Missouri film del 2017 è scritto e diretto da Martin McDonagh.

Una particolarità del film è il cast che ha tra le sue file una serie di attori che mi piacciono un sacco . Woody Harrelson, che ricordo principalmente per Zombieland, Hunger Games, Now you see me er ora Tre manifesti a Ebbing, Missouri. La sua recitazione (e doppiaggio italiano lo ammetto) è toccante, veritiera perfetta. Inoltre è presente il grandissimo Peter Dinklage la cui fama mondiale nel ruolo di Tyrion Lannister (Il Trono di Spade) lo precede. Infine Frances McDormand che dire se non che ha una recitazione incredibile! Mi ha proprio emozionato e trasportato con lei nel film e nella sua causa.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri trama in breve

Una madre che paga l’affissione di tre manifesti lungo una strada poco trafficata nella cittadina di Ebbing, Mossouri per far muovere le indagini sullo stupro della sua figlia mentre moriva bruciata. In questo film la polizia sembra la classica americana, contro gente di colore, contro i gay e che a parte mangiare ciambelle non fa niente. Dalla pubblicazione di questi manifesti, qualcosa nella cittadina si muove. Succedono un sacco di cose sconvolgenti, nell’arco di un paio di mesi nel quale questo film è incentrato. Con un finale che lascia piuttosto spiazzati.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri opinione personale

Questo film è molto bello. La trama è forte, parla di una tragedia incredibile e della disperazione totale di una madre che non vuole lasciare nulla di intentato per trovare il colpevole. Il film tocca tematiche forti, quali l’omosessualità, la stupidità dei contadini americani dei paeselli del sud, di quegli stati dove l’essere di colore e diversi dal bianco ubriacone.

Questo film mi è piaciuto perché mi ha fatto credere fin quasi all’ultimo chi f0sse il colpevole e invece… un mega plot twist. E il finale così… che mi ha lasciato strano. Sgomento e con l’amaro in bocca, come è amara la vicenda, ma non in senso che è brutto. Favoloso. Meritevole di visione.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Autore dell'articolo: Borgo7

Borgo7 nasce come una persona normale, poi scopre i computer, le console, internet e si scopre essere uno dei nerd, un geek e un videogiocatore.