Spesso mi son trovato in mezzo a progetti iniziali di startup e idee nell’ambito informatico e web.
Molte volte, bisogna saper scegliere bene i servizi ai quali rivolgersi per ottimizzare i costi e le prestazioni.
Vi propongo quindi questo servizio chiamato Nuvola Store.
Partiamo subito col dire che è attiva una promozione

sconto del 20% su tutti i canoni mensili dei prodotti standard server e virtual server, per sempre!

Come?

Utilizza il codice: INTELPROMO20

Dove?

Il codice promo code va inserito al passo 1 del carrello nel campo “CODICE PROMOZIONE” e cliccando poi su VERIFICA verranno visualizzati i prezzi scontati.

Finito di dire le cose semplici (e importanti) andiamo a spiegare nel dettaglio il tutto.

Chi o Cosa è Nuvola Store?

Nuvola Store è il cloud market di servizi digitali che permette alle piccole e medie imprese di scegliere, acquistare e gestire in modo semplice e immediato le più avanzate soluzioni Ict.
Il portale offre un’ampia gamma di soluzioni che comprendono la suite di produttività Microsoft Office 365, servizi di cloud storage, messaggistica, hosting, PEC, domini internet, soluzioni per la creazione e la gestione del proprio sito web, anche in versione ottimizzata per l’accesso in mobilità, e servizi per la sicurezza.

Quale è l’offerta proposta sui server virtuali?

Nuvola Store propone 2 server virtuali:

1) Standard Virtual Server 

Clicca qui per questo tipo: http://bzle.eu/nuvolastore2-481-au/HB1DEC9U2Z9LCWYNV1I8

Standard Virtual Server è l’offerta di server virtuali di Nuvola Store che permette di non investire nell’acquisto e nella manutenzione dei server. Il servizio si basa sulla fornitura di server virtuali preconfigurati che possono riprodurre un ambiente analogo a quello dei server fisici e sono raggiungibili tramite Rete Pubblica Internet.

SICURO: i server sono all’interno dei Data Center Telecom Italia|TIM.
FLESSIBILE: si puo’ scegliere tra due profili e diversi sistemi operativi in base alle esigenze dell’azienda, entrambi modificabili in qualsiasi momento grazie ad un pannello di controllo dedicato al cliente.
Standard Virtual Server si basa su una virtualizzazione Hardware di tipo Hypervisor i Server Virtuali sono realizzati in tecnologia Intel X86_64 con sistema operativo Linux e Windows.
Le risorse di elaborazione fornite essenzialmente sono: Processore, Ram e Storage.

Sono disponibili due diverse configurazioni dei server virtuali

  • entry: configurazione base del server con 1 vcore, 1GB di RAM e 20 GB di spazio disco 
  • plus: configurazione più performante del server, 2 vcore, 2GB di RAM e 50 GB di spazio disco

Prezzo a partire da 10 €/mese per la configurazione entry, è possibile acquistare in qualsiasi momento ulteriori risorse che essenzialmente sono: spazio disco, RAM e vcore. Anche le risorse sono a tariffate a canone.
Per standard virtual server il cliente acquista le risorse e vede nel carrello i prezzi scontati.

2) Self Virtual Server 

Clicca qui per questo tipo:  http://bzle.eu/nuvolastore2-482-au/HB1DEC9U2Z9LCWYNV1I8

Self Virtual Server è l’offerta di server virtuali di Nuvola Store che permette di non investire nell’acquisto e nella manutenzione dei server. Il servizio si basa sulla fornitura di un ambiente cloud all’interno del quale il cliente può creare i suoi server scegliendo le risorse e le funzionalità necessarie, pagando su base oraria. Nel medesimo ambiente possono coesistere fino a 8 server virtuali.
SICURO: i server sono all’interno dei Data Center Telecom Italia|TIM.
FLESSIBILE: è possibile modificare le configurazioni realtime attivando e disattivando risorse in funzione delle esigenze dell’azienda nel tempo e pagando in base all’effettivo utilizzo delle risorse, su base oraria.
Self Virtual Server si basa su una virtualizzazione Hardware di tipo Hypervisor i Server Virtuali sono realizzati in tecnologia Intel X86_64 con sistema operativo Linux e Windows.
Le risorse di elaborazione fornite essenzialmente sono: Processore, Ram e Storage.

Il pricing delle risorse, e quindi del server, è orario; la tariffazione, di conseguenza, viene applicata a partire dall’attivazione (ora e giorno) della singola risorsa fino alla cessazione (ora e giorno).

La configurazione minima di un server Self Virtual Server prevede 1 vcore a 2 GHz, 1 GB di RAM e 50 GB di spazio disco che corrisponde a un prezzo di 0.03 € l’ora.
Per self virtual server il cliente al costo di 0,80€ acquista un server, poi si collega al pannello di controllo lo configura, lo avvia e poi inizia a pagare il consumo orario delle risorse.

Nel caso in cui vogliate usare questa offerta ricordate di usare il codice promo INTELPROMO20 come specificato, e buon lavoro!! Buzzoole

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Dall’account youtube della famosa cosplayer internazionale italiana NadiaSK, numero uno al mondo per la sua bravura, invitata ovunque all’estero, tenendo conferenze e tanto altro, con la regia di Patrizio Ranzani ha prodotto questo capolavoro dal titolo:

“Harley Quinn – Do you wanna kill the Batman?”

Come scrive in descrizione è un progetto no-profit, fatto da una fan di Harley Quinn
Usando una nota canzone “parodia” sulla musica della più famosa canzone di Frozen (Disney), dal titolo “Do you wanna kill the Batman” [Lyrics made by: Hesychia7 – Vocals by: SydneyAmber S. ].
Protagonisti del video ovviamente NadiaSK nei panni di Harley Quinn, il doppiatore italiano Maurizio Merluzzo (protagonista anche del canale youtube Cotto & Frullato), e MoguCosplay interpreta Poison Ivy. 
Tratti dalla descrizione del video originale i credits completi del video: 

Director: Patrizio Ranzani https://goo.gl/2HGhvN (linkedin) https://goo.gl/0tJfkG (facebook)
Concept and producer: NadiaSK
Screenplay: Patrizio Ranzani
Executive Producers: Patrizio Ranzani, NadiaSK, Dilys White
Director of Photography and colorist: Paolo Cellammare
Assistant Director: Lorenzo Moro https://www.youtube.com/user/TheSmoki…Editor: Patrizio Ranzani
Costume Design and Set Decorator: NadiaSK
Make-up: Dilys White
Camera Operators: Lorenzo Moro, Paolo Cellammare
Photo: Paolo Cellammare
Special Thanks:Matteo Arienti, Matteo Borghesi, Lorenzo Micheletti, Andrea Bellusci.

Senza dubbio un gran lavoro, fatto da una crew totalmente italiana, che non ha nulla da invidiare ai famosi video che girano su youtube di americani ed altri randomici stati esteri. 
Video meritevole di un post dedicato.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Siccome mi son rotto di andare sulle sette mail che ho su aruba (dati diversi domini comprati), ogni volta scrivere le megapassword singolarmente in pagine diverse ho voluto scaricare tutta la posta e poi classificarla con le etichette su google – gmail.

Io dico ma tu aruba, anzichè far dei pannelli di controllo così orrendi per le mail dei siti, fare un pannello decente dove se voglio (e sottolineo se voglio dato che magari non tutti amano questa soluzione) posso visionare, scaricare, gestire, inviare tutte le mail da lì?
Siccome le FAQ di aruba sono peggio di babele, e internet è come Milano in orario di punta ho impiegato un po’ per trovare le informazioni, quindi qui le cose necessarie da sapere. 
Non è la guida passo – passo, perchè mi auguro che se sei arrivato fino a qui, qualcosa la sai di internet e google.

Posta dominio su aruba, gestita su gmail

Per il server di entrata

Nome utente: alias@dominio.estensione (ovvero la mail che volete scaricare esempio beppe@sitodibeppe.com)
Password: password del tuo indirizzo di posta elettronica (non quella che avete di gestione dell’hosting, serve proprio quella della mail)
Server: pop3.nomedominio.estensione (esempio pop3.sitodibeppe.com)
Porta server: 110

Per quanto riguardo il server di uscita

Nome utente e Password come sopra
Server SMTP: smtps.aruba.it
Protezione SSL: si (spuntate o comunqeu deve esserci).
Porta: 465.

Credo che non serva altro, almeno a me non è servito altro su google e la sua gmail.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Mi sono accorto che usando alcune estensioni sia di firefox che di google chrome, quelle noiose pubblicità prima dei video e vaganti per le pagine non ci sono più. Finalmente posso leggermi in totale tranquillità le pagine dei quotidiani, che trovavo altamente odiosi con tutta quella cappero di pubblicità nei video (prima e dopo) e appena aprivi la pagina o passando da un articolo all’altro. Stancante.

L’estensione che ho installato su entrambi i browser è AdBlock Plus:
Sono lo stesso identico software per i due browser che personalmente uso quotidianamente.
Tutto ultra testato e funzionano alla perfezione, sono contentissimo di averli installati. Non appesantisce il caricamento delle pagine e tutto va liscio come l’olio e finalmente posso godermi anche i video.

Attenzione però!

Purtroppo mi sono accorto che mi bloccava le pubblicità anche di questo mio blog – sito. Probabilmente perchè sono un meccanismo semi-automatico di amazon. Per cui non mi permetteva di metterle e di visualizzarle. Ho dovuto mettere un filtro / regola speciale al programmino di adblock. 
Questa cosa mi ha fatto ragionare anche sul fatto che come me ci saranno anche un sacco di utenti che lo installeranno (e dopo questo post ancora altri). Dato che non si può forzare l’utente a farsi mettere tra i siti che possono mostrare advertising, ho pensato che i prossimi film o app che recensisco dovrò linkarli anche testualmente e non solo metterli in vetrina nel solito posto in alto a sx del post. 
Almeno mi auguro che i miei utenti possano continuare nell’acquisto del bluray, mp3, dvd, libro o app. Dato che comunque il programma di affiliazione mi da una percentuale solo sugli acquisti. 
Fortunatamente ho ben chiaro il concetto che non ci campo con questo blog (ed è vero perchè per ora incassi 0,00 euro xD) e quindi non è che mi interessa molto. Tra l’altro io scrivo solo di quello che vedo, testo e leggo personalmente per cui non ho in progetto di diventare magnate di nulla.
Consiglio di nuovo di installare le due applicazioni per i browser. Non ho interesse nemmeno a cercare se ci sono le app per internet explorer o per safari. Il primo perchè penso di non usarlo dal ’98 il secondo perchè non lo uso, sebbene sia il browser proprietario di apple e del mac. 
Sebbene ho avuto questo “piccolo” imprevisto sono contento di averli installati. 
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Finalmente una notizia interessante che aspettavo da tanto tempo: Mountain View apre la libreria italiana: 2 milioni di ebook su Google Play sul sito del corriere.it

Dico finalmente, perchè io sono un fruitore dei libri anche in formato digitale. Non sono un purista, sono uno abbastanza tecnologico.
Ammetto che comprare e possedere libri cartacei è sempre un privilegio che sarà incomparabile con qualunque tecnologia. La bellezza della carta e dello sfogliare le pagine, usare i segnalibri (quelli veri), farci gli angolini e perchè no sottolinearci e scriverci appunti non la batterà mai nessun prodotto digitale anche ad altissima tecnologia. Sono odori, sensazioni tattili e visive che niente riprodurrà. Sopratutto con libri “storici” che hanno visto molti anni, alcuni anche secoli.
Tuttavia la comodità di avere una biblioteca alessandrina intera in tasca è veramente incredibile. Mi ricordo anni fa quando si iniziò il processo di digitalizzazione di antichi volumi e manoscritti. Che grande cosa anche per la conservazione storica e memorica di volumi che possono risentire del tempo (e perchè no anche di sfortunate disgrazie tipo alluvioni, incendi etc.).
Su google play ora anche noi italiani possiamo scaricare (e comprare per la maggior parte) i volumi, libri e collane/saghe intere con un click o due. E portarsele sempre dietro. All’inizio era un servizio quasi solo per gli stati uniti, e con molti libri in lingua inglese.
Io ho comprato un paio di libri su amazon per il kindle (app mac e iphone, non ho ancora il kindle portatile) ed è fantastico la sincronizzazione su ogni mio device, portandomi con me i volumi che voglio leggere. Spesso poi amazon offre degli sconti esagerati o dei libri a 0,99 (tipo ho comprato hunger games a 0,99 euro).
Ora sono curioso di questo google play al cui interno ha diversi libri gratuiti, sopratutto i grandi classici come Alice, Cavalleria Rusticana o La divina commedia etc… Una enormità.
Sono molto molto contento di questa cosa, anche se voglio sottolinearlo un’altra volta: la carta non morirà mai, la sua bellezza rimarrà unica.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

http://www.soul-reaper.com/ questo sito è fucking awesome: fottutamente geniale!

Ho conosciuto diverse persone che si reputano dei “pro”del settore siti & Co. ma mai e poi mai ho visto siti così fighi realizzati da qualcuno di loro.
Sfruttano al massimo (o quasi al massimo? boh) le potenzialità del recente HTML 5 + css 3. Questa pagina web è anche con uno scroll semi automatico e unisce la pregevole sensazione di leggere un fumetto e di vederne contemporaneamente il film. Perchè oltre a dare un senso di movimento si sentono anche rumori suoni e voci… stupendo.
Sarei stato ore imbabolato a guardarlo e immergermi in quell’atmosfera così figa. Invece per ora è abbastanza breve, meno di 1 minuto, visitatelo che non fa male.
Complimenti ai realizzatori del sito che meritano enormemente tutta la mia micro “pubblicità” se così possiamo chiamarla, anzi no, chiamiamola micro-recensione con sharing dell’informazione.
Le cose belle meritano di essere divulgate istantaneamente!
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Mi interesso dell’ambiente web perchè mi piace, i like it. In tutte le sue sfaccettature. Dall’aspetto creativo e accattivante del design, a quello più scientifico della programmazione a quello dell’ottimizzazione e della sfera di visibilità. Queste sono le cose in cui credo. Queste sono le cose su cui mi informo e sperimento.
Non esiste che con un blog (uno o più blog) si campi. Non ci credo minimamente nei messiah che sbandierano entrate milionarie di euro con qualche post. Non ci credo perchè chi lo fa di solito accosta anche un sermone di tecniche e modi per guadagnare. Non ci credo perchè chi lo fa di solito accosta anche la cassetta delle offerte e il banco di cosa comprare da lui per diventare ricchi. Non esistono Re Mida, non esistono pietre filosofali. Non credeteci. Perchè smontare così le fiabe? Perchè altrimenti saremmo tutti ricchi in egual misura e così non è.
Non si campa con i blog, non si campa con i siti.
Non pensate che tecniche di acquisto e compravendita vi portino soldi. Balle. Finchè la legge non permette di essere più veloci e comprare i domini chiave di aziende per poi rivendergli non si faranno soldi così. Non pensate che comprare un nome figo vi porti soldi perchè i tempi son cambiati, adesso anche un nome assurdo nel dominio vi porta ad essere al centro dell’attenzione.
Finchè non si potranno tenere siti senza aver paura che enti governativi ve li chiudono perchè qualche lobby fa pressione non farete soldi.
Divertitevi con internet, divertitevi coi blog, scrivete, informate, fate circolare l’informazione e se volete raccontatevi… ma non sperate di diventare ricchi e di non fare altro nella vostra vita. Io vi ho avvertiti.
Accostate si, come faccio anche io, qualche pubblicità o qualche programma di affiliazione, ma giusto per divertimento, per unire l’utile al dilettevole non perchè così diventerete ricchi, statene certi 😉
Godetevelo il web, il vostro sito ma non fatevene una ragione di vita.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Ammetto che ho molte lacune. Ed è la prima volta (sarà che sono interessato al mio progetto) che sento l’esigenza di informarmi su cosa sia l’Authinfo.
Ebbene questa parola indica un codice che viene assegnato al momento della registrazione e che identifica in modo univoco il dominio, è personale del registrante (cioè io o voi) quindi va conservato con cura e non sbandierato ai quattro venti. Il registrar (ovvero chi vi fornisce il servizio di registrazione dominio) è tenuto a comunicare a chi registra (il registrante in termine tecnico) questo codice generalmente alfanumerico, indispensabile per poter eseguire tutte le operazioni di trasferimento o cambio proprietà del dominio !
Se dovessi trasferire o cambiare proprietà… al dominio significherebbe che l’ho venduto per diversi euro!
Quante cose che si imparano.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail